nella Città Metropolitana Milanese

Babel di Z.Bauman e E.Mauro

Ho imparato a conoscere Z.Bauman  con il libro "Voglia di comunità" e poi con "il demone della paura", ora con Babel, scritto con E.Mauro ho cercato di comprendere la sua lettura di un tempo contemporaneo indecifrabile e babelico. A partire dalla consapevolezza che la democrazia ( che avevamo conosciuto) non è più la stessa e che  non basta a se stessa. Ma lascio all'editore una presentazione più sintetica e puntuale della mia:

"Viviamo in mare aperto, sotto l'onda continua, senza un punto fermo e uno strumento che misuri il peso e la distanza delle cose. Nulla sembra stare più al suo posto, molto sembra non avere più un suo posto. Non vediamo la direzione di marcia, così solchiamo un territorio sconosciuto, in ordine sparso. I principi che hanno sostanziato l'ethos repubblicano, quel sistema di regole che ha orientato i rapporti di autorità e le modalità della loro legittimazione, i valori condivisi e la loro gerarchia, fino ad arrivare al nostro comportamento e ai nostri stili di vita, devono essere ripensati alla radice perché non sembrano più adatti all'esperienza e alla comprensione di un mondo che ha subito la più travolgente dilatazione spaziale e al contempo l'inedita connessione globale."

Lettera a una professoressa

Lettera a una professoressa di Lorenzo Milani
Curatore: Scuola di Barbiana
Editore: Libreria Editrice Fiorentina
Collana: Scuola familiare
Anno edizione: 1996
Pagine: 166 p., Brossura

In qualunque modo sia stata letta o riletta La lettera a una professoressa io la lessi, insieme a tanti miei coetanei, come la denuncia di una scuola di classe e la proposta semplice di una scuola antiautoritaria. Per questo ne consiglio comunque la lettura -senza mitologie e senza ritrosie con l'avvertenza di una contestualizzazione nell'Italia di allora. Era il 1967. Certo non mancano i motivi di una lettura critica, come ha fatto Sebastiano Vassalli, ma io penso che i meriti di fondo di quel testo siano ancora tutti presenti.
D'altro canto non si può certo dire che il cinquantesimo anniversario della morte di don Lorenzo Milani e dell’uscita di Lettera a una professoressa sia passato sotto silenzio. La pubblicazione delle opere complete insieme a celebrazioni, articoli, polemiche talvolta pretestuose e perfino un pellegrinaggio di papa Francesco – ci ricorda che la figura del priore di Barbiana ancora brucia.

il pane di ieri

«Il pane di ieri è buono domani», dice per intero il proverbio.

Con la bussola di queste parole Enzo Bianchi racconta storie e rievoca volti della propria esistenza: il Natale di tanti anni fa e la tavola imbandita per gli amici, il suono delle campane nella veglia dell'alba e il canto del gallo nel silenzio della campagna, i giorni della vendemmia e la cura dell'orto, il pane,il vino.
Il cibo, a ben guardare, oltre che un nutrimento necessario è anche qualcosa di cui si deve «aver cura». La tavola è luogo di incontro e di festa e la cucina è un mondo in cui si intrecciano natura e cultura.

A dispetto di ogni localismo (anche culinario) tutti i cibi infatti, anche i più nostrani, sono carichi di debiti con l'esterno e con chi, in terre lontane, ha coltivato le materie prime, le ha fatte crescere e le ha raccolte.
Ogni racconto è la tappa di un cammino sapienziale che parla dell'amicizia, della diversità, del vivere insieme, dei giorni che passano e della gioia.
Della vita di ogni uomo in ogni tempo e terra del mondo.Dentro ciascuno di questi ricordi, e in tutti quelli che compongono il libro, c'è un senso esatto della vita in cui la memoria personale e individuale sfuma nella storia universale o meglio, senza forzature, si fa memoria collettiva.
Storie piene di amore per la terra. E insieme rappresentano insegnamenti di fede, di amicizia, del vivere insieme, dell'ospitalità. Meditazioni sulla vita, sulla morte, sulla gioia, sulla vecchiaia, e sulla ricchezza della diversità.

Vi si riscopre la semplicità e la profondità della vita, di ognuno di noi. Un libro per chi ama l'autenticità. Edizioni Einaudi,2008.
Prossimi eventi
  1. Raccontiamoci le mafie

    24 settembre 2017, 18:00 - 1 ottobre 2017, 23:30
  2. Varoufakis e Pisapia

    27 settembre 2017, 19:00 - 20:30
  3. G.Moretti: 40 anni di pittura

    27 settembre 2017, 21:00 - 23:30
  4. Consiglio comunale: il Parco di via Gorizia

    28 settembre 2017, 19:00 - 23:30
  5. Festa dell’AVANTI

    29 settembre 2017, 16:00 - 30 settembre 2017, 23:30
Articoli recenti