nella Città Metropolitana Milanese

Facezie

Pubblico questo racconto di Marco Coloretti, che ringrazio, a proposito delle teorie del complotto e dei pregiudizi. Un modo per sfuggire alla paranoia di questi giorni.

” COVID19 – PRIMO GIORNO

Lo sapevo, sono stati i Cinesi, sono loro che  vogliono dominare il mondo. Sono dappertutto, guarda Prato che è una città senza un filo d’erba ma piena di capannoni in cui si ammassano come topi… infatti ci assomigliano, sono bassi, hanno le orecchie piccole rotonde, gli occhi stretti, i peli ritti, i denti in fuori, non ci vuole molto a capirla, sono i topi che diffondono le malattie, prendi la peste, anzi è meglio che non la prendi…comunque dici “topo” e salta fuori un cinese che ride, perché loro ridono sempre, ah ah ah, e cosa c’hanno da ridere? Semplice, hanno l’antivirus, hanno l’antidoto, è per questo che spargono i germi perché tanto loro se la cavano, tu muori e loro dominano il mondo… Tu lo sai il perché di tutto questo casino? Perché quello scienziato cretino che aveva in mano la provetta col virus all’ultimo stadio gongolava tutto per la scoperta, poi quando è arrivato il pezzo grosso in divisa del partito – per colpa del loro vezzo di fare l’inchino qui l’inchino là – “spash” la provetta è caduta ed è uscito il virus. Lo scienziato è impallidito ma tanto non si vedeva…sono tutti gialli..e il pezzo grosso ha cominciato a starnutire dappertutto, già, ma mica glielo poteva dire l’effetto… solo che quello, il pezzo grosso, si è insospettito, perché sono sospettosi come topi davanti al formaggio nella trappola… allora lo ha fatto fucilare, lui e tutti i presenti alla scena,  poi se ne è andato in giro per Wuan e ne ha ammazzati a centinaia a colpi di starnuti, e sì…gli è venuto il sospetto di essere infetto, ma se lo diceva poi fucilavano anche lui allora zitto e muto, e a chi chiedeva compagno generale, perché lì è tutto collettivo anche l’esercito, sta male? No, solo una banale influenza. Tutto vero, c’è il documento in Internet, me l’ha tradotto la massaggiatrice cinese del primo piano.

COVID19 – SECONDO GIORNO

Lo sapevo, sono stati gli Americani. Che ce l’hanno coi Cinesi, perché vogliono dominare il mondo. E allora te la faccio vedere io, hanno detto gli Americani, che già dominano a destra e a sinistra. Così sono andati a Wuan che loro dicono Uan e poi gli hanno raccontato la barzelletta…prova a contare…e Uan..e..e..tchiu!! e giù a starnutire e a ridere, coi cinesi che ridevano come topi, anche il compagno generale rideva e pensava…poi tanto li fucilo tutti…anche ‘sti grassoni yankee e glieli spedisco in Corea del Nord che li mangiano insieme ai cani…vedi che grigliata…ma nemmeno a pensarci che già morivano come topi ripieni di formaggio al veleno…solo che gli americani sono i soliti pasticcioni…mica puliscono, no…vanno in giro, fanno casino, cantano when the saints go marching in e poi lasciano marcire tutto perché sono viziati…dopo un po’ non gli piace più dove sono…e non c’è la coca come in Colombia…e non c’è il baseball come a Cuba…e non c’è nemmeno Geronimo come in Afghanistan…insomma, hanno sempre da dire e se ne vanno senza pagare il conto…così hanno lasciato i cinesi a smoccolare… ma quelli, che sono maleducati, di nascosto gli sputavano addosso e gli americani non se ne sono accorti… e quando sono venuti in Italia a comprare i vestiti nuovi e a lasciarci quelli usati manco fossimo clienti della Caritas…soltanto che le taglie forti si trovano solamente in un outlet appena fuori Codogno, ecco tutto il casino da dove viene. E’ tutto vero, me lo ha raccontato l’africano che sistema i carrelli al Super che ha un fratello fuori dall’outlet di Codogno che sa l’americano e mi ha anche regalato un cappellino da baseball perso da un grassone yankee.

COVID19 – TERZO GIORNO

Lo sapevo, sono stati i Russi. In un primo tempo, in combutta coi Cinesi per far fuori gli Americani prima e i Cinesi dopo, perché i Russi vogliono dominare il mondo, come già fanno gli Americani e come vogliono fare i Cinesi…poi in combutta con gli Americani per far fuori i Cinesi che vogliono dominare il mondo per poi fare fuori gli Americani…e lo sai come sono i russi…bevono, gli dai in mano qualsiasi cosa e bevono…e si sono bevuti anche la provetta dei Cinesi dopo che l’avevano trafugata gli Americani…oppure era la provetta degli Americani che i Cinesi avevano fatto cadere per poi essere fucilati a starnuti…comunque mi sembra chiaro, dietro ci sono i Russi…non gli bastava il polonio con cui uccidono le spie…no, vogliono anche la Polonia, l’Ucraina, la Georgia, la Mongolia e Codogno per controllare il mercato delle taglie forti…ho notizie di prima mano, sono confidenze della mia vicina di casa russa…lei ha molti amici, influenti e anche influenzati…ma lei da sempre li riceve uno alla volta…un giorno me l’ha anche detto…vengono, portano regalo, dieci minuti e poi lei disinfetta tutto e cambia le lenzuola…una maniaca della pulizia, anche etnica…sul citofono ha scritto “no neri”.

COVID19 – QUARTO GIORNO

Lo sapevo, sono stati gli Arabi. Travestiti da Americani, si sono infiltrati in Cina per rubare il virus e poi hanno dirottato un aereo sulla Cecenia, per passare le provette col virus alle milizia islamiche che le hanno sparse nella metropolitana di Mosca infettando un ufficiale grasso dell’Armata Rossa che poi è venuto a Codogno con la scusa di comprarsi una divisa nuova…è tutto chiaro, è una guerra alla nostra civiltà…vogliono vederci in ginocchio fuori dal Super con la fronte verso la Mecca…vogliono portarci via i giocatori di calcio a basso prezzo per fare loro il campionato più bello del mondo in vista dei mondiali in Qatar…e a noi ci restano Rugani e Gabbiadini che sono malati e non li vuole nessuno…ci hanno chiuso la movida, niente più alcool…droga se vuoi te la portano a casa, ti citofonano e fanno il verso al povero Salvini “c’è drogato? Quanto paga? Prendo anche bancomat, scrivi il pin shukran”…sesso niente, vogliono tutto loro e semmai devi stare attento che non ti entrino in casa, non sanno cos’è la differenza di genere…E’ tutto comprovato, mi ha fatto leggere alcuni siti arabi il kebabbaro sotto casa…è l’attacco finale, altro che Torri Gemelle…e cerchiato in rosso c’era l’outlet di Codogno…anche il kebabbaro veste lì, dove ti giri ti giri sempre a Codogno ti ritrovi.

COVID19 – QUINTO GIORNO

Lo sapevo, sono stati gli Inglesi. Perché tutta questa fretta di uscire dall’Europa, eh? Stavano organizzando il piano…in combutta coi Cinesi ma avvalendosi delle spie americane per fare un dispetto ai Russi e dare una lezione agli Arabi…ma anche in concorrenza con gli Americani per guadagnarsi l’alleanza coi Cinesi  e restare filorussi nella guerra agli islamici…e pure in segreta combinazione con gli Arabi del Golfo per far crollare le imprese americane a vantaggio della borsa cinese per il controllo del gas russo…E’ tutto chiaro, è lo scacco della Regina…da sempre loro trovano che i tedeschi sono ignoranti, i francesi puzzano, gli spagnoli rubano, i portoghesi viaggiano gratis, i greci cazzeggiano, gli olandesi cannonano, gli svedesi sono rigidi, i belgi sono frigidi…e poi gli italiani, a noi non ci sopportano, dicono che abbiamo la mafia, la corruzione, il debito pubblico, i vizi privati, che ubbidiamo solo alle feste comandate, che siamo sempre pronti a saltare sul carro del vincente e a portarglielo via, che qui è tutto pizza e ‘o sole mio e certificati medici che non si può lavorare…e allora ecco il piano, non volete lavorare? Tutti a casa! Non volete andare a scuola? Tutti a casa! Vi piace così tanto fare le pulizie domestiche e lucidare i pavimenti, incivili che non avete neanche la moquette? Tutti a casa! Un piano perfetto, da gentleman. Me l’ha rivelato l’impiegato delle scommesse davanti a casa, adesso sono chiusi ma con lui gioco di nascosto sul mercato nero…l’Italia in coma è data fino a novembre, poi il 2 muore…ho già comprato una villetta a Codogno, prezzi stracciati.

COVID19 – SESTO GIORNO

Lo sapevo, è stato il Vaticano. Chi poteva mettere insieme una trama simile, eh? Coi cinesi puniti, gli americani colpiti, i russi ubriachi, gli arabi stracciati e gli inglesi isolati e malati? E il Papa in giro bello bello da solo a Roma che si è già proclamato sindaco e in un colpo ha ripulito chiese e strade, che per farlo ci voleva un miracolo, appunto…E quando si prevede la fine di tutto il casino? A Pasqua, in mondovisione…tutto sorridente sul balcone con la folla che lo acclama…e gli striscioni…I magutt bergamaschi con la scritta “Rimettiamo su Porta Pia”, le beghine padovane che gridono “El bianco e ‘l rosso va e vien, e ‘l zalo se mantien. …” levando i calici pieni al gonfalone papalino, gli scout catto-emiliani che cantano “Solo una sana e consapevole libidine salva il giovane dallo stress e dall’Azione Cattolica” con la benedizione di Bergoglio che è un gesuita sandinista. E’ vangelo, lo sa anche la catechista sudamericana dell’ultimo piano, quella un po’ mascolina che abita col fratello gemello, una volta in ascensore mi ha detto “tesoru, tutu mundu è pais, i sputi de china ven a Cudogno, tranqui carinho tuto trans” parole incise a punteruolo nell’abitacolo interno, segue anche firma e cellulare della signora, religiosa sempre disponibile.

COVID19 – SETTIMO GIORNO

“Scoperto il paziente numero Zero. Mentre si facevano i tamponi ad una serie di soggetti ritenuti sospetti – una massaggiatrice cinese, un guarda carrelli africano, una squillo russa, un trans sudamericano, un kebabbaro egiziano, un impiegato anglo albanese delle scommesse – tutti concentrati in una via periferica di Milano, il soggetto, stravolto da febbre del gioco negato e con le mani scarnificate dall’uso compulsivo dell’acqua ragia, è stato individuato mentre tossiva soffocandosi dentro un cappellino da baseball e starnutiva ripetutamente alzando il gomito, mal interpretando il suggerimento sanitario previsto e sostituendolo con un bottiglione di Trani del 72 proveniente dalla cantina del nonno, ritenuto un potente antidoto contro il raffreddore. Sorpreso dagli eventi, le sue prime parole sono state: “Lo sapevo, cazzo, sono una potenza”.

Prossimi eventi
  1. ANPI informa

    2 Giugno 2020, 8:00 - 23:30
  2. Commisione Economia

    4 Giugno 2020, 18:00 - 20:00
Articoli recenti