nella Città Metropolitana Milanese

Sala chiama e Paderno risponde


Qualcuno,in questi giorni mi ha chiesto: perché una Lista Sinistra per Paderno Dugnano? Perchè hai lasciato il PD  e perché rischiare, con due candidati  del centrosinistra, di favorire la coalizione di centrodestra, Lega in testa?  Tre domande legittime. Provo a rispondere.

Ho lasciato il PD già da tempo per motivi squisitamente politici e che riguardano quello che il PD è diventato. Un partito moderato di centro con una cultura subalterna all’ordine delle cose esistenti; non in occasione delle elezioni amministrative della nostra città.”Renzi” è stato il motivo scatenante ma la cultura politica moderata è il vero nodo indigeribile, almeno per me.

Perché una Lista di Sinistra per Paderno Dugnano? E’ la conseguenza del primo ragionamento. Per cambiare davvero le politiche amministrative in città serve una nuova cultura politica . Una cultura e una proposta ambientalista, egualitaria, femminista, di sinistra e non il moderatismo accomodante. Di cosa parlo?

Di consumo di suolo zero, di nuovo PGT, di stop ad alcune convenzioni urbanistiche, di no all’ampliamento del Carrefour e di si ai centri commerciali diffusi. Di sportello LGBT e di Sportello Amianto…

Come ho già detto altrove Paderno Dugnano ha bisogno della sinistra. Della sua cultura, dei suoi programmi, della sua radicalità e della sua voglia di trasformazione. Noi lo abbiamo detto e fatto, nel nostro territorio.

Oggi, dalle pagine del quotidiano La Repubblica il sindaco di Milano Giuseppe Sala da voce ad un sentimento diffuso e dice esplicitamente: : ” servono altre forze a sinistra, il PD da solo non basta”.

Ecco noi ci proviamo davvero visto che ci sono sordi che non vogliono ascoltare l’esigenza di cambiamento che c’è anche nel campo del centrosinistra (e della sinistra).

Infine, terza risposta. La paura di far vincere la coalizione di centrodestra mi sembra infondata. La maggioranza, che ha governato Paderno Dugnano negli ultimi 10 anni, si è divisa in tre liste concorrenti e quindi al primo turno è ben difficile che qualcuno dei candidati sindaci ( che sono 6) superi il 50+1%.

Quindi si può senza timori scegliere La sinistra per Paderno Dugnano. E poi? Wait and see.

PS: Per onestà debbo aggiungere che il mio apprezzamento per Sala non è disinvolto; anzi ricordo che tra Sala e Majorino, al momento delle loro candidature a sindaco di Milano, io sostenni quest’ultimo non conoscendo il profilo politico del primo. Oggi però debbo dire che Sala non solo è un buon sindaco ma è anche una persona che avverte ed interpreta, più del PD, le  esigenze vitali del centro sinistra italiano.

Prossimi eventi
  1. Festival di Villa Arconati

    26 Giugno 2019, 8:00 - 23 Luglio 2019, 17:00
  2. Ricordando Piazzale Loreto

    10 Agosto 2019, 8:00 - 17:00
  3. Trofeo della Memoria

    3 Settembre 2019, 14:00 - 6 Settembre 2019, 23:30
Articoli recenti