nella Città Metropolitana Milanese

Un uccellino..

Le dimissioni di Biraghi dal Consiglio comunale  e di Rodolfo Tagliabue  da segretario della Lega (oltre alla sfiducia del capogruppo consiliare) sono un fatto mai visto  nella politica locale. E l’intervista di Biraghi, sul Notiziario di oggi, fa chiarezza sulle mille indiscrezioni circolate attorno alla trasformazione della Lega cittadina in succursale alparoniana.

La lega sembra di fatto “colonizzata” da altri o più semplicemente qualcuno fa progetti non chiari  perché pensa a un futuro politico diverso dalla sua attuale collocazione. Ognuno è libero di muoversi come vuole. “Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei“

Quello che  preoccupa, non sono tanto i giochi interni alla Lega ma se questi sono fatti sulla testa degli interessi della città.

La posta in gioco sono le ambizioni (legittime o meno) di questo o di quell’esponente leghista nel calcolo politico della coalizione di centrodestra o invece il patto per approvare o meno l’ampliamento del Carrefour prima delle elezioni comunali del 26 di maggio?

Andiamo con ordine.

Dopo la presentazione del piano di ampliamento del Carrefour forte è stata  la mobilitazione cittadina per avversare e fermare questa scelta. Non solo associazioni di diversa natura e opposizione consiliare (e non) ma anche le associazioni di categoria del commercio locale si sono battute contro una scelta palesemente sbagliata, secondo tutti gli osservatori del settore.

Un parte della Lega , in Consiglio e con il segretario Tagliabue, ha emesso un comunicato politico che nella sostanza rimandava la scelta a dopo le elezioni comunali. Una scelta che evidentemente il blocco filo Carrefour (Bogani-Alparone & Soci) non ha gradito.

Come non ha gradito certamente Carrefour. Di qui (ma non solo) l’accelerazione del progetto di “normalizzazione“ della Lega e di qui la decisione di procedere subito.

Un uccellino (mi perdonerà l’amico Carco Arcari per questo furto di immagine retorica) mi ha infatti confermato che un assessore dell’attuale giunta, in un consesso non particolarmente riservato, ha rivelato che sarà programmato per il mese  marzo l’adozione del piano di ampliamento del Carrefour.

Se sarà così, si dimostrerà in maniera lampante l’inaffidabilità e la poca credibilità della Lega locale. I commercianti di Paderno sono avvisati.

Adesso sanno chi li difende e chi fa finta. Ricordatevene anche il 26 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Prossimi eventi
  1. Paderno: R Ensemble 3

    17 Febbraio 2019, 16:00 - 18:30
  2. Metropolis: Il futuro prossimo in 3 film

    19 Febbraio 2019, 21:30 - 5 Marzo 2019, 23:30
Articoli recenti