nella Città Metropolitana Milanese

“Allucinante”… che cosa? Cambia la politica estera italiana?

CIMG0018Dal Il Fatto quotidiano di ieri leggo che: Dopo giorni di silenzio sull’astensione dell’Italia all’Unesco in merito alla risoluzione adottata sui luoghi santi di Gerusalemme, il presidente del Consiglio ha deciso di condannare il comportamento dei diplomatici italiani. Il 18 ottobre scorso infatti, hanno scelto di non prendere posizione sul documento che definisce Israele “potenza occupante” e utilizza solo la terminologia araba per definire posti simbolici come “il Monte del Tempio.  “Allucinante”, ha detto a Rtl 102.5 il presidente del Consiglio. “Ho chiesto al ministro degli Esteri Paolo Gentiloni di vederci subito al mio ritorno a Roma. E’ incomprensibile, inaccettabile e sbagliato. Ho chiesto espressamente ai nostri di smetterla con queste posizioni. Non si può continuare con queste mozioni finalizzate ad attaccare Israele. Se c’è da rompere su questo l’unità europea che si rompa”. Il testo è stato adottato dall’Unesco martedì scorso con 23 voti a favore, sei contrari (Usa, Germania, Gran Bretagna, Estonia, Lituania e Olanda) e ventisei astenuti. “ Trovo sfasata, fuorviante e sbagliata la polemica del presidente del Consiglio sull’astensione dell’Italia, nel voto all’Unesco, fatto insieme ad altri paese europei. Bisogna non votare con i paesi europei perché ora c’è la moda “elettoralistica” di rompere” sempre e comunque con l’Europa? E’ questo il senso della frase? O invece si vuole far prendere all’Italia una posizione non equidistante nel conflitto israelo-palestinese? Stefano Folli, sulla Repubblica di oggi plaudendo, dice che: “a prendere per buone le affermazioni di Renzi, siamo di fronte a una svolta significativa che avvicina la politica italiana in M.O. e nel Mediterraneo a quella degli Stati Uniti”  e la allontana da quelle dell’Europa. Se è così allora non si capisce cosa sia allucinante. Il fatto di dichiarare Israele una potenza occupante? O il fatto che si usino solo nomi arabi e non anche ebraici, come pure sarebbe giusto, per definire il luoghi santi per le tre religioni monoteiste? Cosa è più allucinante: il non rispetto della cultura ebraica come dice Benyamin Netanyahu o il fatto che Israele non riconosca nessuna risoluzione dell’Onu di condanna del suo operato, delle sue occupazioni, dei suoi insediamenti abusivi e addirittura il  fatto che Israele non rispetti i diritti umani  di milioni di palestinesi  di  Gaza, della Cisgiordania? E’ più allucinante la risoluzione dell’Unesco o l’occupazione delle terre arabe, da almeno il 1967? E’ più allucinante l’astensione dell’Italia all’Unesco o l’erezione di un muro alto 8 metri ed esteso centinaia di chilometri in terra santa?

Una risposta a “Allucinante”… che cosa? Cambia la politica estera italiana?

  • Gli ebrei nei secoli sono stati spesso uccisi, torturati, discriminati perché popolo senza patria.
    La ragione per cui sono ancora qui, mentre tanti popoli del loro tempo sono spariti è che hanno cercato, tra difficoltà immense di tenere viva e tramandare la loro cultura.
    Dire che il muro del pianto è cosa araba quando già nella spianata delle moschee (che pure è il posto dove sorgeva il tempio) un ebreo non può andare pur essendo sotto il controllo ebraico è meno grave che un genocidio di persone.
    Ma è un genocidio culturale di quelli che al genocidio di persone possono portare.