nella Città Metropolitana Milanese

Gianfranco Massetti

Sono nato a Soncino nel 1953. Laureato in Filosofia lavoro al Comune di Limbiate. Dal 1995 al 2004 sono stato vicesindaco di Paderno Dugnano e poi fino al 2009 Sindaco.

Il Piccolo Grande Cinema

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato di Cineteca Italiana che e non si rassegna di fronte alle difficoltà create dal Covid e continua nella sua attività di promozione del cinema.

PICCOLO GRANDE CINEMA
13. Festival delle nuove generazioni
Film, videogames, contest, laboratori, talk
Online 1 – 8 novembre 2020

Piccolo Grande Cinema – il festival delle nuove generazioni ideato e organizzato da Cineteca Milano, torna, quest’anno online, dall’1 all’8 novembre 2020 con l’edizione n. 13, dedicata a CineGiochi e Video Mondi.
Grandi protagonisti del Festival saranno i migliori film internazionali per bambini e ragazzi, le opere prime e seconde di registi italiani ed europei rivolte a un pubblico adulto e un’ampia sezione dedicata ai videogames. L’intento di questo connubio fra cinema e videogames è quello di esplorare i terreni comuni dal punto di vista dell’immaginario, delle competenze professionali, dei rispettivi linguaggi, della creatività e della gaming education.

Il Festival, destinato ad un pubblico giovane, alle famiglie, alle scuole e agli appassionati di cinema e videogiochi di tutte le età, si svolgerà in modalità online, grazie alla piattaforma streaming di Cineteca Milano,che durante il lockdown ha regalato l’esclusiva opportunità di esplorare online uno degli archivi storici di film più antichi d’Europa, contando oggi su 300 mila iscritti e oltre 10 milioni di visualizzazioni.
Per questa occasione, il sito cinetecamilano.it accoglierà i propri utenti grandi e piccoli con una grafica originale, firmata dallo studio francese Mad Pumpkins, pensata per migliorare e stimolare l’interattività e l’esperienza del Festival, anche da remoto.


Coronavirus. 34°aggiornamento

Dal sito del Comune di Paderno Dugnano:

AGGIORNAMENTO – 23.10.2020: ORE 19.15
Nell’ultima settimana abbiamo registrato una costante crescita dei contagi da Covid19 in tutta l’area metropolitana di Milano, compresa la nostra città. Dai dati visibili ai Sindaci sul portale ATS in continuo aggiornamento, i casi attualmente positivi con relativa anagrafica, a Paderno Dugnano sono 169 di cui 11 ricoverati presso strutture ospedaliere.
“I dati ci dicono che il rischio contagio è molto alto – raccomanda il Sindaco Ezio Casati – Tante famiglie sono coinvolte in casi di quarantena e isolamento. Mercoledì abbiamo riattivato il Centro Operativo Comunale per monitorare insieme a operatori sanitari, Forze dell’Ordine, Croce Rossa e Protezione Civile l’andamento epidemiologico e soprattutto per essere pronti nell’attivazione di servizi di assistenza per i cittadini in difficoltà. Rinnovo un accorato invito a usare la mascherina e, oltre a rispettare le disposizioni nazionali e regionali, essere sempre prudenti: questo virus colpisce indistintamente a ogni età”.

Volontari puliscono via Battisti?

Leggendo l’articolo dal quotidiano IL GIORNO del 26 ottobre, che vi riporto più sotto, nasce immediatamente un interrogativo: ma in questo caso dobbiamo solo applaudire e ringraziare il volontariato civico o preoccuparci delle mancanze del servizio pubblico?

Si perché c’è un equivoco che ha percorso la storia del rapporto tra enti locali e il volontariato in questi anni. Un’equivoco che qualcuno ha anche alimentato di teorie “sussidiarie” manipolando il senso nobile di questo atteggiamento politico. E cioè laddove non arriva lo Stato (o meglio il pubblico servizio) arrivi pure il Volontariato o meglio il privato.

E’ così spesso lo Stato si è ritratto impoverendo i suoi doveri e il privato sociale ha surrogato compiti non suoi. Snaturando così sia il ruolo dello Stato che quello del Volontariato.

Questo atteggiamento superficiale ha causato danni rilevantissimi al pubblico e anche al privato sociale. Evidentissimi questi danni nella sanità lombarda. Ecco perché i volontari di Cesare Battisti non si devono sostituire ai compiti istituzionali del servizio pubblico (che risulta anche abbastanza caro) ma debbono pretendere il funzionamento di un servizio che è loro dovuto.

Un altro esempio (non casuale): è giusto che l’Amministrazione comunale chieda l’aiuto del Volontariato per tenere aperto e sorvegliato un parco pubblico cittadino ma se questo aiuto non arriva il parco deve restare chiuso o l’Amministrazione deve saper trovare le risorse per garantire questo servizio comunale?

* * *

Di seguito l’articolo di Monica Guerci dal quotidiano il Giorno del 26 ottobre 2020:

Paderno, grazie ai volontari anche via Battisti ripulita dai rifiuti

In azione il gruppo di cittadini che quartiere dopo quartiere sta ripulendo la città. Impegnamoci a ripulire Paderno, ancora in azione il gruppo di cittadini che quartiere dopo quartiere sta ripulendo la città con l’obiettivo di rendere Paderno Dugnano più vivibile e più bella. Dopo tante tappe, sabato è toccato a via Cesare Battisti.

“Lo stato di abbandono di una delle vie principali e più trafficate di Paderno è inaccettabile”, il commento a fine giornata. “Abbiamo raccolto una quantità impressionante di rifiuti”, affermano i volontari sul campo dalle 9 alle 11.

“In 2 ore un piccolo gruppo di cittadini che ringraziamo, per l’aiuto che ci hanno dato, è riuscito a pulire dal supermercato fino al passaggio a livello”, aggiungono gli interessati.

Non solo rifiuti abbandonati incivilmente, grazie a uno dei volontari detto “Lupo“, sono stati sistemati anche due cordoli delle aiuole della zona che da molti mesi aspettavano di essere rimessi a posto. “Quindi non è un problema di tempo ma di volontà – dichiarano dal gruppo – Ora è vero che la colpa è anche di alcuni cittadini maleducati ed incivili, ma è tempo che chi di dovere intervenga perché non è possibile che ampie zone di Paderno Dugnano vengano abbandonate a se stesse”.

Da qui il messaggio diretto alla Giunta Casati: “Noi cittadini ce la mettiamo tutta, ma senza il supporto fattivo e concreto dell’Amministrazione Comunale temiamo di non potercela fare”.

Prossimi eventi
  1. La storia siamo noi

    12 Novembre 2020, 19:00 - 21:00
Articoli recenti