nella Città Metropolitana Milanese

Notizie

Proroga del mercato tutelato (2)

Articolo di Ottorino Pagani

Il 18 novembre 2022 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.L 176/2022, il nuovo decreto “Aiuti quater”, entrato in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione; nel testo troviamo conferma della proroga del “mercato tutelato” del gas, che si allinea alla data già in atto per  l’energia elettrica, precisamente:

Slitta a partire dal 10 gennaio 2024, l’abrogazione della norma (art. 22, c. 2, terzo periodo, D.Lgs. n. 164/2000) secondo cui per i soli clienti domestici, nell’ambito degli obblighi di servizio pubblico, l’Autorità per l’energia elettrica e il gas continua transitoriamente a determinare i prezzi di riferimento per il gas (art. 5).

Inoltre, si modifica l’art.5-bis D.L. n. 50/2022 secondo cui al fine di contribuire alla sicurezza degli approvvigionamenti, il GSE (Gestore dei Servizi Energetici), anche tramite accordi con società partecipate direttamente o indirettamente dallo Stato e attraverso lo stretto coordinamento con la maggiore impresa di trasporto di gas naturale, provvede a erogare un servizio di riempimento di ultima istanza tramite l’acquisto di gas naturale, ai fini del suo stoccaggio e della sua successiva vendita entro il 31 marzo 2023 (invece che 31 dicembre 2022 come previsto dalla norma originaria), nel limite di un controvalore pari a 4.000 milioni di euro.”

Chi, invece, si trova nel mercato libero non subirà alcun impatto dal posticipo. Ma può, se insoddisfatto del proprio profilo di offerta individuare un’altra proposta o tornare al servizio di tutela in qualunque momento. Il rientro, infatti, resta sempre possibile con qualunque impresa di vendita nel settore del gas.

Attualmente, secondo gli ultimi dati forniti dall’Arera (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente ), sono circa 7,3 milioni i clienti domestici ancora in condizioni di tutela nel settore gas, su un totale di 20,4 milioni, il 35,6% circa. Un massiccio rientro di utenti nel “mercato tutelato”, unitamente a prese di posizione delle associazioni dei consumatori e sindacali, nel corso del prossimo anno, possono sollecitare la “politica” ad una discussione critica in merito ai rischi e alle contraddizioni dell’abrogazione della tutela. Il “mercato tutelato” dell’energia  rappresenta l’unico contrappeso  per i cosiddetti “clienti vincolati” (famiglie e  PMI), consumatori che non hanno alcun potere contrattuale in un “mercato libero” fagocitato da “cartelli” e interessi geopolitici.

Inoltre, i prezzi degli acquisti di energia dell’Acquirente Unico del GSE costituiscono un indispensabile riferimento (benchmark) anche per gli “utenti idonei” (grandi utenti), che nei momenti di forte speculazione, come l’attuale, devono affrontare un “mercato” simile alla “borsa nera” dell’energia.

E sulla Milano-Seregno

Metrotranvia Milano – Seregno: un aggiornamento….. (?) di Ottorino Pagani

Più sotto il comunicato stampa pubblicato dalla Città metropolitana di Milano: un passo avanti per il “..rispetto delle regole, dei diritti dei lavoratori, e a tutela della pubblica amministrazione..”; ma quando ci sarà un altro passo avanti per la tutela dei cittadini che devono affrontare ogni giorno il disagio del traffico e i pericoli dell’inquinamento?

Visto che il cantiere è in ritardo: quando inizieranno i lavori? quando si concluderanno? e quando sarà pubblicato un crono programma AFFIDABILE delle attività nei vari comuni attraversati dalla metrotranvia?

Aggiornamento sulle tranvie: la Milano-Limbiate

Tranvia Milano – Limbiate: un aggiornamento….. (?) di Ottorino Pagani

Di seguito il comunicato stampa pubblicato dal Comune di Milano:

Mobilità. Approvato dalla Giunta il progetto definitivo della tranvia Milano-Limbiate

Milano, 2 dicembre 2022 – La Giunta ha approvato il progetto definitivo, per il valore di oltre 179 milioni di euro, della riqualificazione della tranvia Milano-Limbiate. La delibera è propedeutica al reperimento delle risorse per finanziare l’intera opera che, dal quartiere Comasina a Milano, attraversa i comuni di Cormano, Paderno Dugnano, Senago, Varedo e Limbiate. 
Il costo complessivo della riqualificazione della tranvia, inizialmente stimato in circa 153 milioni e 224mila euro, è aumentato a causa della crisi che ha investito il settore delle costruzioni portando a un
’impennata dei prezzi dei materiali edili. 
Al momento i fondi disponibili per l
’intervento, ottenuti attraverso diversi accordi sottoscritti con il Ministero delle Infrastrutture e gli altri soggetti interessati, sono prossimi alla cifra originaria. Per far partire i lavori, i cui costi sono stimati in 179.224.972 euro, risulta necessario reperire ulteriori finanziamenti per un valore di 26,9 milioni (non trattandosi di fondi PNRR, gli extra costi non sono coperti automaticamente). 

Per venire incontro alle necessità di mobilità dei cittadini e delle cittadine che abitano lungo il percorso, è stato potenziato il servizio dell’autobus sostitutivo dopo la chiusura della tranvia, in particolare nella prima fascia del mattino.

“Quello approvato è un atto molto importante – ha spiegato Arianna Censi, assessora alla Mobilità – per poter velocizzare al massimo le procedure della gara d’appalto, nel momento in cui si troverà la copertura degli extra costi. Questa modalità è stata concordata con i sindaci della tratta, con cui abbiamo avviato un proficuo dialogo e unito le forze per chiedere i finanziamenti per un’opera attesa da molti anni. Chiediamo ora al Governo di individuare presto le risorse per un’opera essenziale: se arrivassero i fondi, saremmo in grado di aggiudicare la gara già nel 2023 e immaginare la partenza lavori nel 2024”. 

Continua a leggere
Prossimi eventi
  1. Cinema Metropolis: Stagione teatrale 2022-2023

    5 Dicembre 2022, 20:30 - 23:30
  2. Commisione Economia

    6 Dicembre 2022, 18:30 - 19:30
  3. “Boris Godunov” a Paderno

    7 Dicembre 2022, 17:30 - 21:30
  4. ANPI informa

    18 Dicembre 2022, 9:30 - 12:30
Articoli recenti