nella Città Metropolitana Milanese

Coronavirus: nessun aggiornamento

L’emergenza sanitaria è sotto controllo. Così dicono gli esperti e in qualche modo i dati nazionali. Ma i dati della Regione Lombardia non sono così rassicuranti. Si dovrebbero mettere in campo tutte quelle iniziative, preventive e di monitoraggio, di cui si è abbondantemente parlato e preparasi al “generale autunno” che alcuni preconizzano come “terribile”. Ma il nostro territorio padernese è pronto? Ho qualche perplessità.

1.Da un lato sappiamo che sono cominciati i test sierologici presso il Palazzo Inam perché Paderno Dugnano è stato inserita tra le amministrazioni locali nelle quali svolgere l’indagine. Come sta andando non si sa. 

2.Dall’altro nessuna notizia della attivazione di una USCA, dopo che la richiesta è stata inserita anche nel documento dell’Amministrazione comunale “Paderno 2020”. Inoltre posso aggiungere che, nonostante le due diverse richieste che abbiamo fatto all’ASST Rhodense e all’URP Direzione dell’ATS Città Metropolitana, non abbiamo ricevuto nessuna risposta. Evidentemente non sanno cosa rispondere.

3.Infine perché i dati sul contagio di Paderno Dugnano sono fermi al giorno 12 giugno, che raccontavano di 380 persone contagiate e di 70 persone decedute? Il settimanale IL Notiziario informa di 438 persone al 23 giugno ma non di deceduti. Perché il settimanale ha i dati e l’Amministrazione comunale no? E’ cambiato qualcosa nella normativa che ne impedisce la diffusione o è una libera scelta degli amministratori?