nella Città Metropolitana Milanese

Immigrazione e accoglienza Anche noi messi alla prova

Secondo informazioni diffuse dalla lega Nord “potrebbero presto arrivare nuovi richiedenti asilo nel Nord Milano: nei Comuni interessati sarebbero stati individuati diversi posti a bando per la ripartizione dei migranti sul territorio. In particolare si tratterebbe di 35 posti a Paderno, 28 a Cormano, 70 a Cinisello, 66 a Cologno Monzese, 23 a Cusano Milanino e 52 a Sesto.Fuori dalla ripartizione solo Bresso, il cui numero di profughi presenti è già oltre la soglia massima”.

A questo proposito il 25 agosto alcuni sindaci di comuni del Nord Milano hanno chiesto di essere esclusi dal bando con la Prefettura perché la quota di richiedenti asilo nella zona omogenea del Nord Milano ha già superato quanto previsto dal Protocollo sottoscritto nel maggio scorso. Così i primi cittadini, Lorenzo Gaiani di Cusano Milanino e Tatiana Cocca di Cormano, hanno scritto al Prefetto di Milano. “Chiediamo che i Comuni sottoscrittori nell’Ambito del Nord Milano vengano esclusi dal bando in oggetto perché, come zona omogenea, è stata già raggiunta la quota prevista”.

Come si comporterà il sindaco Alparone che aveva aderito a quel protocollo? Si ritrarrà come preteso dalla locale Lega Nord che aveva minacciato rotture nella maggioranza e si accoderà alle iniziative del sindaco Beretta di Senago o sarà coerente con quella firma di adesione allo Sprar?

E’ una domanda rivolta alle pubbliche autorità ma che non vuole sfuggirne un’altra che ci poniamo senza nasconderci e visti i comportamenti, non sempre lodevoli, di alcuni sindaci del PD e del centrosinistra: “un eventuale governo di centrosinistra di Paderno Dugnano come si comporterebbe”?

Prossimi eventi
  1. Insieme contro le mafie

    20 Maggio 2021, 8:00 - 23 Maggio 2021, 17:00
Articoli recenti