Qui Paderno Dugnano

nella Città Metropolitana Milanese

“Cambiare la sanità in Lombardia”

Questo è stato l’appello finale, nella serata di ieri, che ha visto Vittorio Agnoletto presenziare all’iniziativa della Lista Sinistra x Paderno Dugnano, dal tiolo “Rafforzare i servizi per la salute sul territorio”.

Nell’incontro, introdotto dalla riproposizione di una intervista a Gino Strada, Agnoletto ha presentato il suo libro ”Senza respiro” che è una documentata denuncia di quanto è successo durante la pandemia nel sistema sanitario regionale. Delle responsabilità politiche e delle omissioni che hanno accompagnato, e accompagnano ancora, le politiche della destra in Regione Lombardia.

Regione che si appresta a modificare la pessima legge regionale sulla sanità ( Lr.n.23 del 2015), senza tener conto delle indicazioni che il governo ha già eccepito, e con l’intento di perpetuare i favori al sistema sanitario privato.

La serata è stata interessante per le puntuali osservazioni di Vittorio Agnoletto, che non si è limitato alla denuncia delle insufficienze del sistema sanitario regionale ma ha anche indicato delle linee guida che dovrebbero essere considerate per rimettere al centro dell’attenzione il sistema sanitario pubblico: i diritti dei cittadini, la sanità territoriale, la prevenzione.

Presenti in sala rappresentanti di PAC, IxC, PRC, della CdL e l’assessore Giovanni Giuranna che è intervenuto a nome dell’amministrazioen comunale.

Infine l’invito di Agnoletto a firmare la petizione proposta dal Sudafrica e dal Pakistan, e da altri 100 paesi ma bocciata al “G20 sulla Salute”, per la sospensione dei diritti sui brevetti dei vaccini COVID 19 permettendo così un effettivo contrasto alla pandemia a livello mondiale.

( https://noprofitonpandemic.eu/it/ )

Agnoletto a Paderno Dugnano

La Lista di Sinistra per Paderno Dugnano stamane ha distribuito il suo comunicato sul tema della salute pubblica, in piazza Addolorata a Palazzolo Milanese.

Intanto due settimanali locali: Il Notiziario e Il Cittadino danno l’annuncio dell’arrivo di Vittorio Agnoletto, per il giorno 21 Settembre, alla biblioteca Tilane.

Brutalismo: ancora?(2)

Ricevo da Ottorino Pagani:

“Nella foto il Pirelli Tire Building, l’imponente edificio in New Haven nel Connecticut (USA) progettato da Marcel Breuer negli anni ’70 per l’azienda americana Armstrong Rubber Co. 

Nel 1998, la società italiana Pirelli acquistò Armstrong Rubber, dando il nome all’edificio, ma lo vendette poco dopo. Costruito in cemento armato,  è composto da due parti collegate da un corpo centrale: una inferiore, di due piani, e una superiore di quattro, ed è un classico esempio di architettura brutalista.

Già nel 2018 il New Heaven Independent aveva riportato la notizia secondo cui IKEA, che aveva acquistato nel 2003 l’edificio, otto ettari di terreno, e aperto lì vicino il suo primo punto vendita di tutto il Connecticut, avrebbe deciso di dare nuova vita all’originalissima struttura brutalista.

Successivamente, il colosso svedese dell’arredamento ha annunciato di aver venduto l’edificio all’architetto statunitense Bruce Becker, per 1,2 milioni di dollari. Lo studio Becker&Becker ha ideato quindi un progetto per la trasformazione in hotel, in linea con la crescente economia turistica della città e il piano di riqualificazione del distretto di Long Wharf.

Di seguito uno stralcio dell’articolo “Prenotare una stanza in un capolavoro brutalista” da “Il venerdì” di “Repubblica” del 10 settembre 2021:

“Tra pochi mesi aprirà l’Hotel Marcel, in omaggio al progettista Marcel Breuer, a conferma che il breton brut (cemento grezzo a vista) è più vivo che mai, e che questo stile architettonico (Brutalismo) è ritornato  popolare, riportando alla ribalta, in ogni angolo del mondo, edifici etichettati come mostruosità e spesse volte abbandonati o demoliti ….. L’albergo è anche un esempio di sostenibilità, dato che punta al basso consumo energetico, con tanto di impianto fotovoltaico sul tetto e tettoie a energia solare nelle aree di parcheggio. L’opera di Breuer si è presa una rivincita: inserita nel Registro nazionale dei luoghi storici, ora viene trasformata in un hotel in cui vivere un’esperienza unica: dormire in un capolavoro brutalista.”

Prossimi eventi

  1. D(i)ritti al Futuro

    19 Settembre 2021, 8:00 - 10 Ottobre 2021, 17:00
  2. Consiglio Comunale

    28 Settembre 2021, 20:00 - 30 Settembre 2021, 23:00
  3. Maurice Cerasi, un architetto in città

    2 Ottobre 2021, 11:00 - 12:30
  4. Villaggio Ambrosiano: Matita solidale

    2 Ottobre 2021, 17:00 - 19:00

I nostri consigli di lettura

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001. E' un blog scritto a più mani i cui testi sono liberamente riproducibili citando la fonte. Le foto presenti su questo blog sono prese in larga parte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Nel caso i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non hanno che da segnalarlo per la relativa rimozione.

Commenti recenti