Qui Paderno Dugnano

nella Città Metropolitana Milanese

E la metropolitana?

Facciamo il punto sui trasporti metropolitani che interessano la nostra città. A fatica stanno riprendendo i lavori e gli atti amministrativi per la riattivazione delle due tranvie: la Milano-Limbiate sulla ex Comasina e la Milano-Seregno sulla ex-Varesina. E la metropolitana M3 che è ferma in Comasina? Molti sono i lavori che interessano il prolungamento delle metropolitane milanesi fuori dalla cerchia della città.

La M4 ha appena inaugurato le stazioni da Dateo a Linate e si appresta a congiungere Dateo con San Babila entro il 2024.

La M1 andrà fino a Monza Bettola, a nord, entro il 2024 e a Baggio a ovest con tracciato già finanziato, ma entro il 2028.

La M2 verrà prolungata fino a Vimercate con uno studio di fattibilità inserito nella finanziaria 2022.

E la M3 a che punto è?

Secondo un aggiornamento di F.Marcomin del 5 gennaio per il sito “Milano Città Stato”: I progetti di prolungamento della linea metropolitana M3 si muovono più a rilento rispetto alle altre, ma sono comunque allo studio l’estensione a nord fino a Paderno Dugnano e a sud fino a Paullo. Alla fine del 2020 è stata messa a disposizione una somma di 350 mila euro per finanziare lo studio di fattibilità del prolungamento della M3 a nord di due fermate, nei comuni di Cormano e Paderno Dugnano.”

1°gennaio per la PACE

Oggi ad Ad Altamura, in provincia di Bari, si svolge la cinquantacinquesima Marcia nazionale per la pace, che da anni la Chiesa e il mondo cattolico persegue con determinazione. Nel silenzio assordante dei partiti, dei governi e dei media, resta solo (ed isolata?) la voce del Papa che ha chiesto -tra l’altro- con forza, per il 2023 la pace e la fine degli armamenti .
Più di tutto sconforta l’afasia della sinistra, “storica” e “nuova”, italiana ed europea.

***

Anche a Milano si è svolta la marcia “Pace in tutte le Terre” organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio con l’adesione di tante associazioni. Aprendo la marcia, ha detto Giorgio Del Zanna (Sant’Egidio): “La più forte espressione del male è la guerra. Eppure domina i nostri giorni, come vediamo in Ucraina dove il conflitto coinvolge noi europei per la vicinanza geografica e per i profughi che sono tra noi.

“Ci sono ben altri 23 conflitti nel mondo ad alta intensità attivi. L’attenzione al dolore di tanti è la strada per non rassegnarsi alla guerra: è una proposta perché non ci abituiamo al fatto che dall’Ucraina alla Siria, dal Mali allo Yemen, dall’Afghanistan al Tigray, al Nagorno Karabagh – dove la popolazione armena isolata soffre la fame – ci sia la guerra, volgendoci dall’altra parte”.

Prossimi eventi

  1. ANPI informa

    25 Gennaio 2023, 8:00 - 24 Febbraio 2023, 17:00
  2. Intervallo. Momenti di ascolto guidato di musica classica

    31 Gennaio 2023, 20:30 - 28 Febbraio 2023, 23:30
  3. David Maria Turoldo, il resistente

    6 Febbraio 2023, 21:00 - 22:30
  4. Metropolis: stagione teatrale 2022/23

    6 Marzo 2023, 20:30 - 21:00

I nostri consigli di lettura

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001. E' un blog scritto a più mani i cui testi sono liberamente riproducibili citando la fonte. Le foto presenti su questo blog sono prese in larga parte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Nel caso i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non hanno che da segnalarlo per la relativa rimozione.

Commenti recenti